Le vacanze del Tonnotto – Anzio e le Laine ceci e baccalà

anzio

Chi di voi non ha mai sentito parlare di Anzio? Impossibile. Il comune della provincia di Roma, conosciuto anticamente come Antium, infatti, è noto in tutto il mondo per essere stato teatro di una delle più celebri azioni della seconda guerra mondiale, il famoso sbarco degli alleati anglo-americani che prende il nome proprio dalla cittadina laziale.
Il 22 gennaio del 1944 gli eserciti alleati approdano in Italia: oltre centomila uomini con materiale bellico pronti a sconfiggere il nemico. I tedeschi, colti di sorpresa, cominciano a reagire solo tre giorni dopo l’inizio dell’azione militare. Nonostante ciò e nonostante l’obiettivo di una veloce conquista della vicina capitale, Roma viene liberata soltanto quattro mesi e mezzo dopo: il 4 giugno del 1944.

Ovviamente, come una qualsiasi città italiana che si rispetti, Anzio è anche una buona forchetta e per questo, se passate da là, non limitatevi a sbarcare per una toccata e fuga ma fermatevi a gustare una specialità che vi farà leccare i baffi: le laine (tipo di pasta lunga il cui nome viene dal greco antico λάγανον) ai ceci e baccalà.

Sicuramente dopo averle gustate avrete voglia di prepararle anche di ritorno a casa. Come fare?

La sera prima mettete, separatamente, i ceci e il baccalà in acqua fredda. Sgocciolateli e, dopo averli messi in una pentola, copriteli d’acqua salata. Aggiungete delle foglie d’alloro e fate cuocere il tutto. Quando l’acqua bolle abbassate la fiamma e fateli cuocere per due ore, mescolando di tanto in tanto. Una volta cotti, basta scolarli e tenerli in caldo.
Nel frattempo tagliate dei pomodori a metà, strizzateli per eliminare i semi e tagliateli a concassé.
A questo punto sgocciolate il baccalà, eliminate la pelle e tagliatelo in quattro pezzi. In una casseruola versate un po’ d’olio, aggiungete dell’aglio e il concassè di pomodori, condite con sale e pepe e fate cuocere per circa trenta minuti. Aggiungete quindi il baccalà e i ceci, mescolate e lasciate insaporire.
Dopo avere scolato le laine al dente mescolate col condimento e spolverizzate con il prezzemolo tritato.

Il piatto è servito e la nostalgia delle vacanze passata.


Visualizzazione ingrandita della mappa