Le vacanze del Tonnoto – Sirolo ed il branzino alle verdure

sirolo

Come un nido d’aquila a picco sul mare, sorge Sirolo: un tranquillo borgo del Conero nelle Marche.

Già insediamento romano, si è sviluppato nel medioevo, quando la costruzione del castello gli ha conferito la struttura urbanistica fatta di un dedalo di borghi (chiamati “vigoli”), molto caratteristici e dagli scorci affascinanti. Usciti dai vigoli si arriva alla grande piazza panoramica, che offre una vista mozzafiato su un cristallino mar adriatico e, nelle giornate più limpide, permette di vedere addirittura il profilo delle isole Kornati e la costa croata.

L’architettura del paese si sposa perfettamente con la natura nella quale è immerso Sirolo, completamente avvolto dal verde delle pinete nelle colline alle sue spalle e dall’azzurro del mare dinnanzi a sé. È il mare infatti la vera ricchezza del paese, un mare che ha avuto numerosi riconoscimenti per la qualità e la pulizia dell’acqua sia dall’Europa, con la Bandiera Blu, che da Legambiente con ben quattro vele. Ai piedi di Sirolo sorgono sette spiagge sia di ciottoli che di sabbia, sia piccole calette formate dalle rocce a picco sul mare. Rocce bianche, faraglioni, insenature, conferiscono un aspetto imponente e affascinante alla costa e alle spiagge più famose e caratteristiche tra cui quella delle Due Sorelle, quella di San Michele e la spiaggia Urbani.

Il Branzino è il simbolo del paese per la grande presenza di questo ottimo pesce in questo tratto di mare e viene cucinato in tanti modi differenti, ma pare particolarmente gradito con verdure di stagione e impreziosito dall’ottimo olio di oliva prodotto con le materie prime del territorio, annaffiato ovviamente dal Verdicchio della zona.
Il vino (Verdicchio e Rosso Conero) è infatti un’altra eccellenza enogastronomica che rende questo territorio assolutamente completo tra mare, monti, natura, storia e mangiar bene.


View Larger Map