Il Tonnotto nel Mondo #16 – Sud Africa

Le Tonnotto in South Africa

Il Sud Africa è senz’altro un paese che ha vissuto e vive parecchie contraddizioni. Superati forse i suoi momenti più bui, è adesso annoverato tra le nazioni maggiormente emergenti e fa parlare di sé soprattutto per le sue bellezze naturali. No, non ci stiamo riferendo a Charlize Theron, non solo a lei per lo meno… dato che le bellezze del paese non finiscono con la splendida e bravissima attrice vincitrice di un Oscar.

Questa nazione attira turisti a frotte sia per la natura incontaminata, sia per i mari ricchi di fondali incantevoli e meta di numerosi subacquei.
La vegetazione è varia a seconda della piovosità delle zone del territorio e passa dalla savana alla jungla regalando paesaggi molto suggestivi.
Numerosissime sono le specie animali, anche rare, che ancora si trovano nei parchi naturali dopo la caccia indiscriminata che hanno subito in passato sia da parte degli aborigeni che degli europei: gli springboks (antilopi del Sudafrica), il rinoceronte bianco, l’elefante nel Kruger National Park, i leoni, che vivono liberamente anche nel Trasvaal settentrionale, il gatto selvatico, la lince, il leopardo e il gattopardo, i cobra, i pitoni e ancora i coccodrilli nella sezione nord-orientale del Paese. Gli uccelli sono rappresentati da oltre un migliaio di specie: numerosi sono i pappagalli ed i rapaci.
Molto interessante è anche la cultura: divisa tra quella boera e austera dei primi colonizzatori e le colorate culture aborigene delle etnie bantu.
Una menzione speciale anche agli sport, che devono la loro tradizione alla presenza inglese, tra i quali eccelle il rugby secondo solo all’hockey su prato e al cricket.

E il tonno sott’olio? Che ruolo ha il tonno nella tradizione del Sud Africa? Essendo una grande nazione che si affaccia sul mare, che ama i piaceri della tavola, soprattutto i vini che produce in grande quantità e avendo un clima in molte regioni mediterraneo, ci aspettiamo che anche il tonno abbia trovato la sua giusta collocazione nella tradizione sudafricana.
Siamo andati ad investigare e abbiamo scoperto che questo alimento così sano è apprezzato anche dall’altra parte del mondo e utilizzato spesso per ricette elaborate e molto gustose come il tortino al tonno.

Per preparare questa leccornia occorre creare un composto sbattendo un uovo con 150 ml di latte, semi di senape tritati, prezzemolo e pangrattato. Tritare assieme tonno sott’olio, cheddar, cipolla e unire il battuto al composto, mettere tutto in terrine da forno e infornare a 200° per 30 minuti. Per questa deliziosa ricetta, che tradisce origini inglesi col cheddar e aborigene con i saporiti semi di senape, ringraziamo Charlize e la lasciamo dedicarsi alle sue faccende Hollywoodiane, mentre noi… sazi… andiamo a guardare un po’ di elefanti.