I Sette Mari – Mar Nero

 cover

Il Mar Nero è un mare interno situato tra l’Europa sud-orientale e l’Asia Minore. È collegato al Mediterraneo attraverso lo stretto di Kerc, il Mar d’Azov, il Bosforo, il Mar di Marmara e lo stretto dei Dardanelli.
La sua superficie è pari a circa 436.400 km quadrati.
L’origine del suo nome è misteriosa, anche se la teoria più probabile è che il nome attuale sia una traduzione del nome medievale turco (Kara Deniz) in contrapposizione al Mar Mediterraneo (Ak Deniz “mare bianco”). Secondo una tradizione Uralo-Altaica i punti cardinali sono caratterizzati da quattro colori: nord-nero, est-dorato, ovest-rosso, sud-bianco ed essendo il Mar Nero più a nord del Mediterraneo, avrebbe assunto il nome relativo a questo punto cardinale.
Il Mar Nero si è originato dal Mar Sarmatico, che ha dato origine anche al Mar Caspio e al Lago d’Aral. Diversamente dagli altri due, il Mar Nero è rimasto collegato al Mediterraneo, restando un mare vivo e non in regressione, tanto che cede addirittura parte delle sue acque al Mar Mediterraneo.
I Paesi bagnati dal Mar Nero sono: Turchia, Bulgaria, Romania, Ucraina, Russia e Georgia
Le aree umide costiere offrono riparo a molte specie marine, alcune delle quali preziose come lo storione, e sono, inoltre, un importante punto di transito e nidificazione di numerose specie di uccelli (soprattutto attorno all’area del delta del Danubio). Nel Mar Nero sono anche presenti quattro specie di mammiferi: la foca monaca, il tursiope, il delfino comune e la focena comune.
L’area del mar Nero rientra nelle zone sotto tutela da parte dell’ACCOBAMS (“Agreement on the Conservation of Cetaceans of the Black Sea, Mediterranean Sea and Contiguous Atlantic Area”) che stabilisce delle regole per la protezione dei cetacei.
Negli ultimi dieci anni la ricettività turistica del Mar Nero è aumentata sensibilmente, visto che i paesi rivieraschi hanno notevolmente migliorato le strutture in maniera moderna e funzionale.
Paesi come Bulgaria, Romania, Georgia, offrono servizi di buon livello a prezzi concorrenziali.
In Bulgaria le spiagge sono ampie e sabbiose, la località più famosa è Varna, ma le spiagge più belle si trovano un po’ più lontane, a Golden Sands, mentre a un centinaio di chilometri più a sud c’è Nessebar, conosciuta per i monumenti Patrimonio Unesco, ma frequentata anche per il suo litorale.
Anche la Romania offre più di 200 km di spiagge sul Mar Nero, che vanno da Capo Chilia fino a Vama Veche. La zona a sud è ricca di spiagge di sabbia fine che scendono dolcemente nel mare.
La parte più interessante del Mar Nero è la Crimea, in particolare Yalta, detta anche Perla della Crimea. La costa è ricca di insenature e di baie naturali che la fanno assomigliare alla riviera ligure. Anche la Georgia, in particolare con Batumi, è interessante per il turismo balneare. Qui si trova il lungomare più bello del Paese a prezzi estremamente contenuti. Kobuleti invece è una cittadina molto amata dai giovani in estate e che offre numerose strutture alberghiere, adatte anche alle famiglie.