Nuova rubrica: Il Tonnotto nel Mondo

Nel bel paese, si sa, il tonno sott’olio è da sempre il perfetto jolly culinario: piace a tutti, è semplice da cucinare e puoi farci mille ricette.

Che sia protagonista nell’insalata di riso o impiegato per farcire pomodorini e peperoncini, trasformato in un ambizioso polpettone o semplicemente come ripieno per un panino, ciascuno di noi, almeno una volta nella vita, avrà esultato dinnanzi alla vista un vasetto di tonno all’interno di una credenza deserta, consapevole che grazie a esso è possibile risolvere qualsiasi pranzo o cena.

Amato anche dai cuochi meno esperti, al punto che la variante più semplice di pasta col tonno é anche soprannominata “pasta dello studente” ed ha salvato almeno una generazione di inetti universitari fuori sede sotto esami, il tonno sott’olio nella cucina italiana ricopre, senza dubbio, un posto di tutto riguardo.

Ma cosa accade nel resto del mondo? E quali sono le abitudini culinarie negli altri paesi?
Per scoprire come si mangia il tonno sott’olio al di fuori dei confini italiani, abbiamo deciso di lanciare l’iniziativa “Il Tonnotto nel Mondo“, intervistando amici e conoscenti stranieri per farci raccontare qual è il loro rapporto con questo gustoso alimento e come sono soliti cucinarlo nei loro paesi.

Se siete italiani all’estero o incalliti viaggiatori raccontateci la vostra esperienza sulla pagina di Facebook del Tonnotto segnalando una ricetta particolare o le abitudini culinarie in cui vi siete imbattuti.

Per tutti gli altri allerta, mi raccomando: il Tonnotto va alla conquista del mondo!

Se fossimo a Risiko la nostra carta obiettivi reciterebbe: “Conquistare 18 territori presidiandoli con almeno due vasetti da 190g ciascuno“… secondo voi, ci riusciremo?

La serata perfetta…

 

 

 

 

 

E tu, sei più sgombrotto o tonnotto? Un’aliciotta piccante o una vongolotta?

Prova a scoprire il prodotto dell’Isola d’Oro che più ti si addice grazie alla nostra infografica “La serata perfetta”.

Notte di fuoco o pantofole e divano? Dimmi cosa fai e ti dirò che tonno sei..

Vedi infografica 

Il Tonnotto ha fatto la Storia

Sembra esserci un fil rouge che unisce alcune tra le figure più note ritratte nei capolavori che hanno fatto la Storia: un palato estremamente fine, da veri dei buongustai.

A ben guardare il dipinto della Monna Lisa si vede La Gioconda, apparentemente impassibile, che in realtà sotto sotto gongola per essersi accaparrata l’ultima confezione di Tonnotto che tiene stratta tra le mani; mentre Garibaldi è ritratto con una scatoletta che custodisce gelosamente per lui e i suoi Mille. E ancora Einstein porta con sé scorte di Tonnotto durante un’intervista; d’altronde, per un genio come lui, un calo di fosforo sarebbe imperdonabile!

Questi sono solo alcuni dei fotomontaggi realizzati dagli utenti in occasione dell’iniziativa “Il Tonnotto ha fatto la Storia”. Alcune sono davvero spassosissime: dalla preistoria alla grande mela, per finire sulla luna. Non perdetevene nessuna: sono tutte davvero super!

Tutte le opere d’arte sono disponibili sulla pagina Facebook del Tonnotto ma anche su Pinterest, ultimo social network sul quale è di recente sbarcato il più famoso dei tonni.

Ringraziamo moltissimo tutti coloro che hanno partecipato, e vi invitiamo a non dormire sugli allori: qualsiasi altro attacco di genialità nel nostro mondo ittico è alquanto apprezzato! E mi raccomando, state in campana perché il Tonnotto sorprende sempre!!

 

Le grandi doti del Tonno in ambito nutrizionale


Il tonno e’ un pesce a sangue caldo diffuso negli oceani e nel mar mediterraneo.

Un alimento sano e nutriente, dal sapore ricco di gusto, fruibile ogni giorno dell’anno grazie alla sua trasformazione in conserva. Si puo’ acquistare in ogni supermercato e punto vendita alimentare nel mondo.

Il tonno e’ anche la proteina animale reperibile sul mercato al prezzo piu’ basso. Alimento particolarmente versatile e condiviso, viene utilizzato semplice o ricettato, da grandi e piccini. Piace proprio a tutti.

Forse non tutti sanno quanto faccia bene alla salute!

Il tonno e’ un melting-pot di energia e bonta’ ad alto valore nutritivo essendo ricco di:

-proteine: favoriscono il tono muscolare

-iodio:elemento raro interagente in molte funzioni, particolarmente prezioso per tiroide e sistema respiratorio

-selenio-fosforo-calcio-ferro-fluoro-zinco-manganese-rame: nobili sali minerali molto utili nella crescita, nello sviluppo ed in caso di maggior fabbisogno per attivita’ agonistiche (regolano le funzioni circolatorie- nervose-muscolari)

-omega3: acidi grassi polinsaturi conosciuti come regolatori del metabolismo lipidico, vantaggiosi per il sistema cardiocircolatorio (funzione antitrombotica)

-niacina-arginina-valina-alanina: importantissimi aminoacidi che svolgono un ruolo fondamentale nella conversione del cibo in energia

-vitamina a: utile nel metabolismo energetico

-vitamina b12: importantissima per la sintesi dell’emoglobina. In combinazione con l’acido folico agisce per una perfetta emopoiesi.

-vitamina d: attraverso la dieta ed insieme all’esposizione solare favorisce il riassorbimento di calcio a livello renale, l’assorbimento intestinale di fosforo e calcio ed i processi di mineralizzazione dell’osso.

 

Profilo nutrizionale tonno sottolio per 100 gr. Di prodotto sgocciolato:                                              

  • Acqua 62,3
  • proteine 25 g
  •  lipidi 10,1 g
  • carboidrati 0
  • energia 192

 

 profilo nutrizionale tonno al naturale  per 100 g. Di prodotto sgocciolato

  •  acqua 73,4
  • proteine 25,1 g
  • lipidi 0,3 g.
  • Energia 103

Le Ricette della Lella – La Zuppa Inglese

Niente video per questa ricetta, ma è stata fatta per davvero…

Dice la Lella, “Non c’è niente di più semplice che preparare una zuppa inglese…”
Vediamo dunque come prepararla partendo dagli ingredienti.

zuppainglese

INGREDIENTI

per la crema pasticciera:

  • ½ l di latte;
  • 2 uova intere + 1 tuorlo;
  • 1 h di zucchero;
  • 60g di farina

per il budino:

  • ½ l di late;
  • 50g cacao amaro;
  • 60g d farina;
  • 120g di zucchero
  • savoiardi morbidi

(tagliarli a metà durante l’esecuzione)

  • alchermes
  • rum bianco
  • sassolino

Esecuzione:

fare le 2 creme: pasticcera e budino.

Foderare uno stampo con i savoiardi divisi a metà alternando una metà intrisa di alchermes con una intrisa di rum.

Mettere la crema pasticcera e ricoprire con i savoiardi sempre divisi a metà e sempre alternati nei liquori.

 

Finire con l’altra crema (budino) e ricoprire tutto con i savoiardi.

Mettere in frigo almeno una notte.

 

Eccovi per finire due piccoli segreti che la Lella ci ha svelato per ottenere una zuppa inglese davvero super.

Aggiungere al budino un quadrato di cioccolato fondente.

Aggiungere alla crema pasticcera un h. di mascarpone.

 

La ricetta del Polpettone d'oro

Una nuova ricetta in attesa delle Ricette di Natale..

Ingredienti per 4 persone

• 1 vaso da 500 gr di tonnotto
• 1 vasetto da 90gr di aliciotte arrotolate con capperi
• 350gr. di patate
• 200gr di ricotta
• 80gr di pecorino grattugiato
• 2 uova
• maggiorana
• sale, pepe
• 30 gr. di pangrattato
• scorza di limone
• olio extra-vergine di oliva
• insalata mista per servire

Preparazione

Lessare le patate, scolarle, sbucciarle e passarle nello schiacciapatate. Alla purea, unire il tonno sbriciolato, il formaggio grattugiato, la ricotta, le uova, la maggiorana, sale, pepe.
Amalgamare il composto poi formare un polpettone. Aromatizzare il pangrattato con la maggiorana e la scorza del limone grattugiato quindi rotolarvi il polpettone e avvolgerlo nella carta oleata.
Chiuderlo e porlo in forno a 180° per 30″ poi sfornare, aprire il cartoccio, bagnare con 4 cucchiai di olio e rimettere in forno proseguendo la cottura per altri 30″ per dorare la superficie.
Tagliare a fette il polpettone e servirlo, guarnito da alicotte arrotolate con capperi e misticanza condita.

Tagliolini antica Sicilia

Ingredienti per 4 persone

• 400gr di tagliolini • 1 vasetto da 90gr di Aliciotte distese  • 3 arance biologiche • 2 spicchi d’aglio • prezzemolo • mandorle tritate • olio extravergine di oliva • sale Preparazione Ricavare le scorzette da 2 arance e spremerne il succo. Pelare al vivo le arance rimaste. In una padella con un filo d’olio rosolare 1 spicchio di aglio, eliminarlo prima di aggiungere le acciughe spezzettate che si scioglieranno a fuoco lento nell’olio. Al sughetto aggiungere gli spicchi d’arancia in tocchetti e 1 battuto di prezzemolo e aglio, bagnare con il succo e lasciare evaporare. Lessare i tagliolini in acqua bollente salata, scolarli al dente e passarli in padella con il condimento. Completare con foglioline di prezzemolo e briciole di mandorle.