l’Isola dei Goblin

goblin

I goblin dovrebbero fare paura, lo sa bene anche il famigerato Uomo Ragno che in un “Goblin” ha sempre avuto la sua nemesi. I “nostri” Goblin, mostri sacri del progressive rock, nati dal talento di Claudio Simonetti nei pazzi e fantasiosi anni ’70, sono anche loro maestri dell’orrore, sentimento che hanno saputo trasmettere nelle colonne sonore create per l’icona del genere Dario Argento. Ma proprio questi grandi musicisti, che dei goblin portano il nome, sanno anche intrattenere e divertire perché da sempre l’uomo cerca di stemperare ed esorcizzare le sue paure proprio dalla celebrazione del macabro e del grottesco. Feste antiche e sempre nuove come Halloween sono ancora vive e vegete per testimoniarlo. I maestri di Profondo Rosso e Suspiria suoneranno stasera a Parma al Campus Industry per rinnovare questo sodalizio tra paura, esorcismo e divertimento: un gioco mistico che vola sulle ali del progressive rock e che attrae sia le generazioni che sono cresciute con queste sonorità, sia i giovani curiosi e affascinati dalla alchimia che queste sanno generare. L’Isola d’Oro ha voluto essere presente a questo momento di arte, di spettacolo, di invenzione e di rivoluzione, ed essere partner di questo evento musicale. La concomitanza del concerto con le prossime feste natalizie rende il tutto ancora più grottesco, misterico, magico e assolutamente irrinunciabile. Seguite il flusso di energia, seguite le note, le emozioni, la paura, la musica, seguite L’Isola d’Oro in questa avventura notturna.