L’impronta dell’acqua

acqua

L’acqua è un bene fondamentale per la vita sul nostro pianeta, un bene che purtroppo non è inesauribile e che per troppo tempo abbiamo dato per scontato. I cambiamenti climatici e i recenti periodi siccitosi hanno mostrato il problema in modo evidente, confermando una tendenza che gli scienziati già da tempo stavano mettendo in evidenza. Nel nostro quotidiano possiamo fare molto per risparmiare acqua ed evitare che questa preziosa risorsa venga sprecata. Tante volte ci hanno insegnato a farne un uso razionale per la nostra igiene personale, così come per la cura di prati e giardini o per la pulizia dell’automobile, ma anche a tavola possiamo incidere non poco sul consumo e sullo spreco di acqua. Per produrre gli alimenti che arrivano sulle nostre tavole, infatti, il consumo d’acqua varia sensibilmente a seconda della loro tipologia. Il calcolo dell’acqua consumata per la “fabbricazione” del cibo (la cosiddetta impronta dell’acqua o impronta idrica) è piuttosto complesso e tiene conto anche dei processi industriali per la preparazione, il confezionamento e il trasporto degli alimenti. Nel gradino più basso della piramide stanno gli ortaggi con circa 240 litri d’acqua consumati per ogni chilogrammo di alimento, mentre nel gradino più alto sta la carne bovina con 15.500 litri d’acqua consumati per ogni chilogrammo di alimento. In questo calcolo dobbiamo infatti considerare non solo l’acqua bevuta dai bovini stessi, ma ad esempio anche quella utilizzata per la produzione dei foraggi, etc. Una alimentazione responsabile, oltre che sana, dovrà tener conto delle differenze di consumo idrico tra i vari alimenti e pur consigliandovi di mantenere una dieta varia che apporti il giusto quantitativo proteico, vitaminico e delle altre sostanze nutritive, tenga conto del rispetto dell’ambiente e dell’impronta idrica dei vari alimenti. Da soli possiamo fare poco per salvare e proteggere il pianeta, ma insieme rappresentiamo una forza inarrestabile e decisiva per la tutela del mondo in cui viviamo.

 

impronta idrica

 

Fonte: Green MKTG